Beretta, tecnologia e ricerca di un’azienda Made in Italy

di | 29 Agosto 2016

Parlare del mondo Beretta significa far riferimento non semplicemente ad un’azienda o una fabbrica di armi ma ad una vera e propria dinastia in questo ambito industriale. Sono a marchio Beretta le armi da fuoco presenti in quasi tutti i Paesi del mondo, utilizzate da militari, polizia e civili.

La sede aziendale è a Gardone Val Trompia (Provincia di Brescia). Tra i prodotti principali realizzati dall’azienda si trovano soprattutto pistole ma anche fucili, carabine, pistole mitragliatrici e rivoltelle. Sul sito Beretta nella versione italiana dedicata al nostro Paese, alla sezione Armi è possibile trovare i cataloghi e le schede di tutti i prodotti disponibili e attualmente in produzione.

Sin dalle origini (le prime ricevute di pagamento della ditta risalgono al 1500), l’azienda Beretta si è distinta per la produzione delle armi prima ancora che per il loro commercio. In particolare, gli appartenenti alla dinastia di Brescia (gli altri erano a Gardone Val Trompia) erano principalmente finitori, camuzzadori, azzalinieri, archibugieri e incassatori oltre che comunque mercanti d’armi. Solo in seguito, verso la metà del XVII secolo, un ramo della dinastia si sposterà su Milano.

Tra i prodotti che hanno reso famosa l’azienda Beretta nel mondo, ci sono le doppiette (o altrimenti conosciute come fucili a canne accoppiate) e i fucili a canne sovrapposte (chi non ha sentito parlare dei leggendari “SO”). Arricchiscono e completano la vasta gamma di prodotti Beretta, i fucili semiautomatici, quelli da caccia, gli express rifles, i fucili d’assalto, le pistole mitragliatrici, le pistole ad azione semiautomatica, i fucili sportivi e negli ultimi anni anche le rivoltelle.

Un fatturato da oltre 660 milioni di euro con quasi 3000 dipendenti

Tra le armi da fuoco che regalano vanto e prestigio all’azienda, c’è il modello 92 FS, che ad oggi rappresenta il modello più utilizzato da dipartimenti di polizia e dagli eserciti di numerosi Paesi del mondo. Da sottolineare inoltre che si tratta dell’arma ufficiale di tutte le forze dell’ordine e armate italiane nonché della Gendarmerie francese e delle Forze Armate Americane.

A proposito di Stati Uniti, nel 1985 l’azienda Beretta dopo una lunga e combattuta selezione, viene scelta per la produzione della M9. Si tratta di un prodotto dall’alto livello qualitativo, molto simile al modello 92 in calibro 9 mm Parabellum, divenuto arma individuale d’ordinanza in dotazione al personale militare degli Stati Uniti.

Non solo pistole però, per il comparto militare e la struttura multinazionale: Beretta è ben nota nell’ambiente anche per i suoi fucili, spesso personalizzati con calci e bascule scolpiti a mano.

Oltre alla 92 FS, il brand nato a Gardone Val Trompia fornisce alle forze armate italiane anche il fucile AR 70/90, il fucile d’assalto per l’Esercito Italiano, modificato in varie versioni a seconda del tipo di operazione condotta. La PM12S2 (Pistola Mitragliatrice 12S2) detta in gergo “mitraglietta”, è stata adottata all’unanimità dalle varie Forze dell’Ordine italiane (Polizia di Stato, Carabinieri, Polizia penitenziaria, Guardia di Finanza e Corpo Forestale dello Stato) insieme al fucile a canna liscia semiautomatico Franchi SPAS-15, in dotazione speciale ai Carabinieri.

Volete saperne di più